Rame e alimenti

Rame e alimenti

Il rame è indispensabile per la nostra salute, perché fa parte di una trentina di enzimi e coenzimi che regolano il nostro metabilismo. Come si assume il rame nell'organismo? Semplice: con l'acqua e col cibo.
Numerosi alimenti contengono rame. Generalmente una dieta ricca di rame include crostacei, noci, fegato, legumi e cioccolato. Altre fonti di rame sono i piselli e funghi.
Pollo e riso sono relativamente poveri in rame, ma essendo consumati in quantità più alta possono dare un contributo significativo.
Anche l'acqua potabile contiene rame. La quantità dipende dalle falde e dai suoli dai quali proviene.
In genere il fabbisogno giornaliero di rame si aggira dal milligrammo in su, e alle donne in gravidanza o in allattamento ne viene raccomandata una quantità maggiore.
Ecco la quantità di rame (in µg/Kg) contenuta approssimativamente in alcuni alimenti:

Cibo

Rame(mg/100g
di porzione commestibile)

Note

Pollo

0,06

Arrosto (solo le carni)

Fegato

4,51

Cotto, brasato

Tonno

0,04

In scatola

Ostriche

0,57

Battute o impanate, fritte

Patate

0,22

Al forno

Patate

0,17

Bollite

Funghi

0,24

In scatola

Piselli

0,14

Congelati e cotti

Banane

0,10

Al naturale

Uvette

0,36

Senza semi

Noccioline

0,67

Tostate, senza sale

Noccioline

1,14

Al naturale

Noci del Brasile

1,77

Seccate, non mondate

Ceci

0,17

In scatola

Ceci

0,85

Al naturale

Semi di girasole

1,75

Chicci seccati

Cioccolato(fondente)

0,80

In tavoletta

Il rame a tavola (periodica)! Il rame è contenuto negli alimenti e questo magnete da frigorifero ci ricorda quali.




Questo sito ospita cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, clicca qui. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Acconsento