News e info media

14 | 06 | 16
I germi al capolinea: il primo autobus con sostegni antibatterici
Trasporto
antibatterico, trasporto di massa

I posti affollati sono quelli che favoriscono la diffusione di batteri e virus responsabili di malattie ed influenze. Infatti, i microorganismi che si depositano su oggetti a “portata di mano” possono essere “presi su” da più persone e trasferiti su altri oggetti, per poi essere toccati altrove da altre mani, e così via.

Dato il via-vai continuo di passeggeri, l’ambito del trasporto pubblico è particolarmente esposto a questo problema, ma non mancano gli esempi in cui sono state prese contromisure, come l’installazione di elementi destinati ad essere toccati di frequente fatti in materiale antibatterico, come il rame e sue leghe: basta pensare ai corrimano in ottone nella stazione della metropolitana Santiago Bueras a Santiago del Cile, o al rame presso le casse dell’aeroporto di San Paolo del Brasile.  

Ora, sarà la volta di un mezzo pubblico circolante. La Solaris Bus & Coach - una azienda polacca specializzata nella costruzione di mezzi pubblici - presenterà il suo nuovo modello “Solaris Urbino 12” con sostegni in lega di rame-nickel-zinco antibatterica: sono stati studiati per essere leggeri e avere un colore che resterà stabile nel tempo.

Questi sostegni - prodotti da una ditta locale - la STER – portano il marchio Cu+, conferito a quelle leghe di rame dalle comprovate capacità antibatteriche e rilasciato dall’International Copper Association. Le proprietà di queste leghe dureranno per tutta la loro vita utile e non verranno perse con l’usura e lo sfregamento, come invece potrebbe accadere con rivestimenti o trattamenti superficiali.

 
Il rame per l’energia

Per questo modernissimo bus, il rame è importante anche per un altro motivo: il metallo rosso, grazie alla sua conducibilità elettrica, è fondamentale nelle applicazioni dove l’energia elettrica è prodotta, trasportata e utilizzata. Questo modello di Solaris Urbino 12 è completamente elettrico, con batterie di 240 kWh di capacità, ricaricabili attraverso due sistemi: via pantografo durante le soste, o via cavo.

E in Italia?

Il Solaris Urbino è una famiglia di bus, di cui molti esemplari percorrono le nostre città: Ancona, Bari, Biella, Bologna, Cagliari, Chieti, Como, Genova, Milano, Modena, Napoli, Novara, Parma, Pisa, Salerno e San Remo, per una flotta complessiva che ha tagliato il traguardo dei 500 mezzi nel 2015.

Scarica qui il comunicato stampa completo

Questo sito ospita cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, clicca qui. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Acconsento