News e info media

18 | 07 | 17
Architettura moderna: le facciate dinamiche si orientano verso il rame
Architettura

La facciata dinamica è diventata la grande tendenza architettonica della fine di questo decennio? Se è così, il rame sta svolgendo un ruolo importante. Duraturo, facilmente lavorabile e applicabile su diverse scale, è un materiale ideale per gli architetti che vogliono progettare rivestimenti innovativi.

La giuria del concorso europeo Copper in Architecture 2017 costituisce quasi una “prova” di questa tendenza: ben quattro degli otto edifici finalisti hanno facciate dinamiche. Non abbiamo più solo un semplice involucro, ma elementi in rame in grado di gestire meglio l’apporto di luce e calore, migliorando le prestazioni energetiche dell’edificio. In più, la lastra di rame è esposta agli agenti atmosferici e quindi l’aspetto superficiale evolve gradualmente nel tempo, dando vita alla facciata e integrandola nell’ambiente circostante.

Dalla Norvegia alla Francia passando per l’Italia, mostriamo ora un tour di architetture intelligenti accumunate dalla loro facciata dinamica in rame.

La giuria del concorso europeo Copper in Architecture 2017 costituisce quasi una “prova” di questa tendenza: ben quattro degli otto edifici finalisti hanno facciate dinamiche. Non abbiamo più solo un semplice involucro, ma elementi in rame in grado di gestire meglio l’apporto di luce e calore, migliorando le prestazioni energetiche dell’edificio. In più, la lastra di rame è esposta agli agenti atmosferici e quindi l’aspetto superficiale evolve gradualmente nel tempo, dando vita alla facciata e integrandola nell’ambiente circostante.

Il ruolo del rame

Per rispondere ai cambiamenti nella vita urbana - organizzativi, tecnologici e sociali – gli architetti e gli urbanisti devono innovare. Le facciate dinamiche in rame permettono agli edifici moderni di interagire con il loro ambiente e di limitare l'illuminazione artificiale e il fabbisogno di riscaldamento, di regolare l'aerazione, la luce o la trasparenza e di creare effetti visivi senza precedenti.

Il rame e le sue leghe permettono una grande creatività architettonica, e sono i materiali particolarmente adatti per facciate funzionali grazie alla loro lavorabilità e facilità d'installazione. Infatti le lastre in rame sono leggere, facili da piegare e montare, esteticamente gradevoli e estremamente resistenti: offrono agli architetti e ai loro clienti una lunga durata di servizio senza manutenzione. In più, sono disponibili in una vasta gamma di finiture: lisce e lucide, perforate, in rilievo, pure o in lega, naturali o pre-patinate; questa ultima possibilità consente di sfruttare già subito dopo l'installazione l'ampia gamma di colori offerti dal processo naturale di ossidazione del rame.

Dalla Norvegia alla Francia passando per l’Italia, mostriamo ora un tour di architetture intelligenti accumunate dalla loro facciata dinamica in rame.

Rame: cinque esempi di facciate funzionali e dinamiche

Maison Dumont a Ginevra: un rivestimento in rame che rispetta la privacy

Nel cuore della vecchia Ginevra, Maison Dumont è un edificio contemporaneo progettato da Meyer Architecte, il cui rame in facciata viene modulato a seconda della luce. Il tetto, sempre in rame, corre per tutta la lunghezza dell’edificio, dando nuova luce nel cortile in cui si trova, in mezzo ai due edifici storici.

Al piano dell'attico, un lucernario fatto di assi di rame garantisce la privacy. Grazie alla lavorabilità del rame, le lame sono state piegate in diagonale e sono regolabili come le persiane: velano la facciata per tutta la sua lunghezza, creando un gioco di luci e trasparenze. Così gli inquilini guadagneranno in privacy senza perdere in luminosità.

Sei unità residenziali in Sesto san Giovanni (MI): storia, recupero e rame

Un vecchio fienile in rovina a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, è stato trasformato da Studio Roberto Mascazzini Architetto in un edificio residenziale con sei appartamenti. I mattoni e il porfido che costituivano il tetto e il pavimento del vecchio fienile sono stati riutilizzati per il nuovo edificio, per preservare i materiali storici.

Per aggiungere un tocco di modernità, gli architetti hanno rivestito in rame gli schermi oscuranti che servono ciascuna delle sei unità abitative: è una facciata dinamica, regolabile per proteggere gli occupanti dal sole e dalla pioggia. Questo design minimalista rende le gronde e i davanzali non necessari. Anche questa ristrutturazione è stata inserita tra i finalisti del concorso Copper in Architecture 2017.

Hydropolis a Wroclaw: una facciata in rame e… acqua!

A Wroclaw, in Polonia, ART FM ha trasformato un notevole serbatoio del XIX sec. per l’acqua potabile in un parco a tema dedicato proprio all’acqua: Hydropolis. Questa conversione è caratterizzata da una nuova facciata in rame e una innovativa funzione chiamata “stampante ad acqua”. Il rame sottolinea la bellezza dell’edificio storico con il suo appeal visivo ed estetico, dando nel contempo un look davvero contemporaneo.

Il rame è stato scelto per il tetto e la facciata del nuovo ampliamento, nonché per i pannelli forati scorrevoli. Si ossida naturalmente, e il suo colore diverrà simile a quello dei mattoni della muratura. La scultorea 'stampante acqua' consiste in dodici fontane nascoste dietro la facciata in rame.

Sole e umidità penetrano nelle perforazioni irregolari dei pannelli in rame, creando un gioco unico di luce e riflessioni, intensificando la percezione dello spazio nella sala. Questo parco è uno dei progetti finalisti del concorso Copper in Architecture, i cui risultati saranno annunciati alla fine del 2017.

Conservatorio Debussy a Parigi: una facciata perforata, per la musica e l’arte

Progettato da Basalt Architecture, il Conservatorio Claude Debussy si trova nel cuore del 17esimo arrondissement di Parigi. La sua facciata in rame perforato anima l’edificio giorno e notte, in un balletto di luci ed ombre. Le perforazioni di ogni apertura agiscono come uno schermo solare, necessario per il benessere degli artisti e del loro pubblico.

Dal patio ai piani superiori, la luce penetra nel cuore dell’edificio grazie al sistema di serrande in rame. Con questa originale scelta architettonica il Conservatorio Nazionale di Musica, Danza e Arti drammatiche tiene un dialogo con la città ponendosi come un landmark nel cuore dei più tradizionali edifici in stile Hausmann. La sua facciata in rame proteggerà a lungo questo luogo di creazione artistica – senza manutenzione, destinato a patinarsi gradualmente; una visione di questa evoluzione cromatica è visibile su copperconcept.org.

Palco Comunale a Trondheim: un cilindro di rame e luci!

La principale piazza di Trondheim in Norvegia merita davvero una visita, anche solo per ammirare il curioso cilindro in rame perforato che galleggia sopra! Le sue finiture differenti, perforate e patinate, il colore della struttura che cambia nel corso della giornata… La patina verde può essere osservata alla luce del giorno, mentre la luce artificiale proviene dallo strato più interno, riflessa dagli schermi in rame. Così questo “tamburo” si adatta perfettamente al suo intorno: discreto di giorno, con un aspetto naturale e luminoso di notte, dotato di un sistema a risparmio energetico.

Il cilindro consiste di tre strati: una superficie riflettente interna, una centrale in rame naturale, e una esterna in rame verde patinato a mano. I due strati in rame sono perforati per consentire alla luce solare di entrare di giorno, e a quella LED di filtrare fuori di notte. Anche questa struttura è finalista al concorso europeo Copper in Architecture.

Maggiori informazioni sul rame in architettura: i link

Il rame in architettura: www.copperconcept.org.it

Concorso 2017: Copper in architecture

Pubblicazione: “Come evolvono le superfici in rame e lega di rame

Esempi di facciate dinamiche in rame sul sito copperconcept.org

Copper Architecture Forum: la rivista del rame in architettura

Questo sito ospita cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, clicca qui. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Acconsento